Regione Emilia-Romagna 
ASSESSORATO AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITA' FAUNISTICO-VENATORIE.
Indice generale
____________________________
____________________________
NOTE SULLE SPECIE NIDIFICANTI OCCASIONALI, 
MIGRATRICI O SVERNANTI DI INTERESSE COMUNITARIO
 
Sono riportate segnalazioni riferite all’ultimo decennio, tralasciando quelle storiche. 
 
Le categorie fenologiche sono tratte dalla Check-list degli uccelli dell’Emilia-Romagna (Bagni et al. 2003), con la seguente Legenda: 
B Nidificante; SB Sedentaria o Stazionaria nidificante; M Migratore o Migratrice; W Svernante, presenza invernale; E Estivante, presenza estiva; A Accidentale (con numero delle segnalazioni); reg Regolare; irr Irregolare; par Parziale, Parzialmente; ? dato incerto. 
 
Viene riportato anche lo status di conservazione europeo con la valutazione del 1994 (Tucker e Heath 1994) confrontata con quella più recente del 2004 (BirdLife International 2004), con le seguenti codifiche: 
SPEC1: Specie presente in Europa ed il cui Status di Conservazione le qualifica come globalmente minacciate in tutto l’areale, anche per mancanza di informazioni. 
SPEC2: Specie con popolazione concentrata in Europa e con status sfavorevole nel continente.  
SPEC3: Specie con popolazione non concentrata in Europa e con status sfavorevole nel continente.  
SPEC4: Specie con popolazione concentrata in Europa, ma con status favorevole nel continente.
FALCO PESCATORE Pandion haliaetus: M reg, W irr. Presente regolarmente nei passi primaverile ed autunnale principalmente nelle zone umide di pianura orientali e centrali (RA-FE-BO-MO); molto raro come svernante: 1 ind. negli anni 1998-1999-2000 nel comprensorio Valli di Comacchio-Mezzano (Baccetti et al. 2002), 1 nel 2003 nelle Valli di Argenta (Picus 2004). SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
NIBBIO REALE Milvus milvus: M reg, W, E irr. Regolare nei passi primaverile ed autunnale, segnalato soprattutto in zone di pianura (PR-RE-MO-BO-FE-RA), ma anche collinari (MO-FC); rari i casi di svernamento in pianura (RE-MO-RA) con una certa regolarità nelle Valli di Mirandola (Giannella e Tinarelli 2003, 2004, 2006), eccezionali in collina: 3 ind. nelle colline forlivesi (Brichetti et al. 1992). Accidentale come estivante nella Salina di Cervia (Giannella e Tinarelli 2003) e nelle Valli di Mirandola (Giannella e Tinarelli 2004). SPEC4 (1994), SPEC2 (2004).
AQUILA DI MARE Haliaeetus  albicilla: M irr, W irr. Sono note presenze accidentali di giovani o immaturi: inverno 1994-95 due individui, uno dei quali giovane del primo anno, a Manzolino in provincia di Modena (Giannella et al. 1996), 2/6/2003 un giovane nelle Valli di Mortizzuolo, Mirandola-MO (Giannella e Tinarelli 2004), 11/1/06 un giovane sul Po ai confini di Piacenza e Parma (A.Battaglia, inedito), 3/12/06 un ind. a Borgotaro (PR) (Mellone e Sighele 2008), 9/12/07 i imm. all’Ortazzo (RA) (Mellone e Sighele 2009), dal 13/1 al 15/3/2008 due giovani in Val Campotto (Sighele e Janni 2010). SPEC3 (1994), SPEC1 (2004).
CAPOVACCAIO Neophron percnopterus: A-6. Accidentale; FC 1954, 1955 e 1970; RE 1989; PR 1990; PC 1999. Da aggiungere una settima segnalazione in data 19/10/04 nelle casse di espansione del Secchia (RE-MO) (Giannella e Tinarelli 2006). SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
GRIFONE Gyps fulvus: M irr. Di comparsa irregolare; le ultime osservazioni sono del 31/8/04 a Ospitaletto-Marano s/P (MO) (Giannella e Tinarelli 2006) e del 22/7/05 in alta Val Parma (M.Mendi, inedito). SPEC3 (1994), Non SPEC (2004).
ALBANELLA REALE Circus cyaneus: M reg, W, B irr. Regolarmente presente da ottobre a marzo in zone di pianura (più frequentemente ai margini delle aree vallive orientali) e di bassa collina; la popolazione svernante era valutata in 100-400 individui (Chiavetta 1992), con una stima forse eccessiva; attualmente sono stimati 60-100 individui svernanti (Marchesi e Tinarelli 2007) con andamento fluttuante a seconda degli anni, risultando maggiore la presenza negli inverni più freddi. Un caso eccezionale di nidificazione, unico in Italia in tempi recenti, è segnalato nel Parmense in un’area golenale del Po nel 1998 (Brichetti et al. 1998), ripetutosi poi nel 1999-2000 (Brichetti e Fracasso 2003). SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
ALBANELLA PALLIDA Circus macrouros: M irr. Rara come migratrice; un giovane osservato in data 15/3/03 nella Valle Zavelea-Comacchio (Giannella e Tinarelli 2004); le difficoltà di riconoscimento di femmine e giovani da quelli delle altre specie di albanelle possono rendere sottostimata la presenza. SPEC3 (1994), SPEC1 (2004).
POIANA CODABIANCA Buteo rufinus: A-9: RA 1923, MO 1925, 1988, 1991 e 1998, PR 2001, MO 2002 e 2003, FE 2003. I particolari delle osservazioni degli anni 2000: 21/7/01 2 ind. alla Cava Valle di Montechiarugolo (PR), dal 2/11 al 10/11/02 nelle Valli di Mortizzuolo-Mirandola (MO), 12/1/03 nelle Valli Le Partite-Mirandola (MO), dal 20/5 al 1/7/03 nella Bonifica del Mezzano (FE) (Giannella e Tinarelli 2003, 2004; Bagni et al. 2003). Tre successive segnalazioni: a Bentivoglio (BO) il 7/1/07 (Mellone e Sighele 2009), a Roccabianca (PR) il 28/5/08 e a Brescello (RE) il 4/11/08 (Sighele e Janni 2010). SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
AQUILA ANATRAIA MINORE Aquila pomarina: M irr. Molto rara; una segnalazione recente del 10/7/06, un ind. a Pianoro (BO) (Mellone e Sighele 2008). SPEC3 (1994), SPEC2 (2004)..
AQUILA ANATRAIA MAGGIORE Aquila clanga: M reg, W. Di passo e svernante nelle zone umide di pianura. Presenze regolari sono state registrate nell’Oasi di Torrile (PR) dal 1999 al 2008, probabilmente sempre lo stesso individuo svernante (Roscelli 2008) e nelle Valli di Mortizzuolo-Mirandola (MO; un caso di svernamento nel 2007-08 in Val Campotto (FE) (Sighele e Janni 2010). Nei primi anni del secolo altre presenze sono state indicate in zone umide del Bolognese a Crevalcore, Bentivoglio, Molinella e Medicina, del Ferrarese in Valle Umana e del Ravennate a Valle Mandriole, nelle Pialasse e all’Ortazzo (Giannella e Tinarelli 2003, 2004, 2006; Mellone e Sighele 2009; Asoer, inedito); dei 9 individui per i quali sono indicate le classi di età 6 sono risultati adulti e 3 giovani. Informazioni degli anni precedenti sono relative a: Foce del Bevano (RA) nel 1997 e nel 2000; Fiume Po (PC) 2000; Valli d’Argenta (FE) 1997; Pialasse e Valli ravennati 1997; Comacchio e Mezzano 1998 (Baccetti et al. 2002). Nel comprensorio Pineta di Classe-Ortazzo-Foce Bevano sono state registrate presenze primaverili negli anni 1992-93-94 (Premuda 1997).  SPEC1 (1994), SPEC1 (2004).
AQUILA MINORE Hieraaetus pennatus: M irr, W irr. Presente nei passi e in inverno, più spesso in pianura presso le zone umide. Solitamente rara, ma numericamente molto fluttuante negli anni; nell’autunno 2004 e nell’inverno 2004-05 in particolare la presenza è apparsa eccezionale, a carattere di invasione (Premuda et al. 2006; Giannella e Tinarelli 2006), con ripetute osservazioni in una quindicina di località nelle province di RE, PR, MO, BO, RA; queste erano concentrate soprattutto in Val Taro, bassa bolognese, Valli Bertuzzi-Canneviè, Mesola, Valli di Comacchio, Valle Mandriole, Ortazzo. Presenze segnalate il 3/6/06 e il 30/7/06 nel Parmense (Mellone e Sighele 2008). Più recenti altre osservazioni invernali a Bosco della Mesola (M.Passerella, inedito), a Bertuzzi-Volano (18/1/07) (M.Bonora, inedito), nel Mezzano 2 individui il 9 e 10/2/08  e ancora 1-3 individui svernanti a Valle Canneviè e Mezzano nel 2007-08 e 2008-09 (Mellone e Sighele 2009; Sighele e Janni 2010).  SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
SMERIGLIO Falco colombarius: M reg, W. Presente regolarmente, con una popolazione svernante valutata in 100-200 individui in trend positivo dagli anni ’90 (Marchetti e Tinarelli 2007); frequenta prevalentemente i margini delle zone umide di pianura, mentre è raro nel basso Appennino.  
Nel corso di censimenti invernali lungo transetti automobilistici, negli anni 2000-2002 sono stati rilevati: 1 individuo su 339 km (0,3/100 km) nelle bonifiche ferraresi, 6 ind su 337 km (1,8/100 km) nella pianura bolognese orientale, nessun individuo su 385 km nelle colline di BO-RA-FC nella fascia 100-500 m. (Bonora e Melega 2003). Non SPEC (1994), Non SPEC (2004).
FALCO DELLA REGINA Falco eleonorae : Sei segnalazioni nel secolo scorso: MO 1972, BO 1987, PR 1988, FC 1991, MO 1993, BO 1998. Diverse segnalazioni nell’ultimo decennio: 24/8/06 nelle colline bolognesi (G.Premuda, inedito), 13/8/08 all’Oasi del Gherardi-Borgo Val di Taro (PR), 14/8/08 a Pianoro (BO), 10/10/08 a Ostellato (FE) (Sighele e Janni 2010) e 3/7/11 nella collina ravennate (M.Nalin, inedito). SPEC2 (1994), SPEC2 (2004).
RE DI QUAGLIE Crex crex : M reg. Raro; segnalazioni recenti nelle province occidentali: PR-RE-BO. SPEC1 (1994), SPEC1 (2004).
GALLINA PRATAIOLA Tetrax tetrax: M irr. Molto rara; non sono note segnalazioni recenti. SPEC2 (1994), SPEC1 (2004).
PIVIERE TORTOLINO Charadrius morinellus: M reg. Di passo regolare nelle zone più alte dell’Appennino, oltre il limite della vegetazione arborea. Segnalato nei SIC di M. Cusna e di M.Prado (RE), M.Cimone (MO) e Corno alle Scale (BO) (Tinarelli 2005); nel crinale Tosco-Emiliano (BO-MO-PT) ripetute osservazioni nel settembre 2005 di individui singoli o in gruppo (fino a 11 ind.) (Leoni et al. 2005) e ancora 4 ind. il 29/8/06 (Asoer, inedito). Un tempo citato comunemente in migrazione anche in zone di pianura (Foschi 1986). Non SPEC (1994), Non SPEC (2004).
GUFO DI PALUDE Asio flammeus: M reg, W par, E irr. Presenza regolare da ottobre ad aprile; segnalazioni recenti di svernamento (Giannella e Tinarelli 2003, 2004) nelle Valli di Mirandola (MO) e di Comacchio (FE), nell’Oasi di Bentivoglio (BO) e soprattutto nella Bonifica del Mezzano (FE); in quest’ultima località si è verificata l’eccezionale presenza di 18-20 individui nell’inverno 2006-07 (M.Azzolini, inedito). La popolazione svernante in Regione è di alcune decine di individui (Marchetti e Tinarelli 2007). Sono segnalati anche casi insoliti di estivazione nella Salina di Cervia (RA) e nell’Ortazzo (RA) ed in particolare la presenza da aprile a luglio 2003 nel Mezzano (Giannella e Tinarelli 2003, 2004). SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
CALANDRA Melanocorypha calandra: M irr. Estinta come nidificante ai primi del 900 (Foschi 1986). Attualmente molto rara come migratrice; non sono note segnalazioni negli anni 2000. SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
PETTAZZURRO Luscinia svecica: M reg, W irr (reg?). Regolare nei passi in zone vallive. La sua presenza è sempre stata probabilmente sottostimata; nella stazione ornitologica modenese “la Tomina” ne vengono inanellati alcune decine per anno (Giannella e Gemmato 2004); un esemplare di questi, preso in data 19/10/03, è stato attribuito alla sottospecie orientale (L.s.svecica) (Giannella e Tinarelli 2004). In due occasioni il 3/8/05 e l’11/9/05 a Volta Scirocco osservati gruppetti di 5-6 individui (RA) (M.Costa, inedito). Rare presenze invernali segnalate nelle Valli di Mortizzuolo il 5/1/02 (Giannella e Tinarelli 2003) e in Valle Umana-Comacchio (FE) il 10/2/96 con un esemplare della sottospecie occidentale (L.s.cyanecula) (Gemmato e Giannella 1998); altri svernamenti di L.s.cyanecula nel Ferrarese nella Bonifica di Argenta nel 2007-08 e nella Bonifica del Mezzano nel 2008-09 (Borghesi e Serrao 2011) . La sottospecie occidentale appare più frequentemente di quella orientale (Foschi 1986; Giannella e Gemmato 2004). Non SPEC (1994), Non SPEC (2004).
PAGLIAROLO Acrocephalus paludicola: M irr. Molto raro; una segnalazione del 15/8/02 nelle Valli di Mortizzuolo-Mirandola (MO) (Giannella e Tinarelli 2003). SPEC1 (1994), SPEC1 (2004).
MAGNANINA COMUNE Sylvia undata: SB irr, M reg, W. La nidificazione di una coppia isolata è stata accertata nel 1995 in un brugheto sommitale a Berceto (PR) a 900 m di altitudine (Ravasini 1995); nella stessa zona è stato osservato un maschio in canto il 30/6/02 (Giannella e Tinarelli 2003). SPEC1 (1994), SPEC1 (2004).
GRACCHIO CORALLINO Pyrrhocorax pyrrhocorax : M irr? Molto raro; non sono note segnalazioni recenti. SPEC3 (1994), SPEC3 (2004).
 
 
 
 
 
 
 
 
 
HTML Programming and Graphic by ST.E.R.N.A. P.IVA 01986420402 
© Copyright 2012 - Tutti i marchi riprodotti sono di proprietà delle rispettive aziende.