Regione Emilia-Romagna 
ASSESSORATO AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITA' FAUNISTICO-VENATORIE.
Indice generale
____________________________
____________________________
STATUS E DISTRIBUZIONE DELLE SPECIE RILEVANTI 
AI FINI DELLA COSTITUZIONE DI SIC E ZPS
jump to top
INTRODUZIONE  
La Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche ha come obiettivo la conservazione e tutela della biodiversità attraverso il mantenimento e il ripristino degli habitat naturali e seminaturali terrestri e marini. Individua quindi un gruppo di specie di interesse prioritario per la conservazione a livello europeo (allegato II) per la cui salvaguardia afferma la necessità di istituire Zone Speciali di Conservazione (ZCS). Da questo deriva la costituzione di una rete ecologica europea di tali zone speciali, ossia Zone di Protezione Speciale (ZPS) per gli uccelli designate ai sensi della Direttiva 79/409/CEE e Siti di Importanza Comunitaria (SIC) per habitat, specie animali e vegetali, denominata Rete Natura 2000, che ha lo scopo di garantire il mantenimento (o il ripristino) dei tipi di habitat naturali e seminaturali e delle specie di cui agli allegati in uno stato di conservazione soddisfacente nella loro area di ripartizione naturale. In Italia la Rete prende il via con il progetto Bioitaly che nel 1995 ha portato a una prima lista di circa 2300 SIC sul territorio nazionale. 
Attualmente la regione Emilia Romagna conta 157 zone speciali di conservazione costituite in base alla presenza di specie di allegato II o habitat prioritari. 
Per quanto riguarda la lista dei mammiferi è da notare come sia costituita quasi interamente da Chirotteri. In quanto a dieta insettivora e talora legati fortemente ad ambienti non disturbati dall’uomo, risultano particolarmente sensibili ai cambiamenti ambientali come ne è prova il declino cui sono stati soggetti a livello globale a partire dagli anni Cinquanta e dal quale stentano a riprendersi anche a causa del basso tasso riproduttivo (1 piccolo all’anno per femmina riproduttiva). La loro tutela va di pari passo con la conservazione degli habitat di rifugio, dei corridoi di volo e di caccia e quindi con il mantenimento degli habitat elettivi delle loro prede chiave che spaziano tra gli invertebrati dai Lepidotteri, ai Coleotteri, ai Tricotteri, ai Ditteri, ecc. 
 
In questa sezione ogni specie di allegato II della Direttiva Habitat viene presentata schematicamente e la sua presenza nei SIC/ZPS della regione è evidenziata nella tabella che segue.
SPECIE DI MAMMIFERI DI ALLEGATO II HABITAT PER PROVINCIA E PER SIC 
 
PIACENZA 
SPECIE
IT4010002
IT4010003
IT4010004
IT4010005
IT4010006
IT4010007
IT4010008
IT4010011
R. euryale
 
 
 
 
1
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
1
 
1
 
R. hipposideros
 
 
1
 
1
 
1
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
1
 
1
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
1
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
1
 
1
 
M. myotis
 
 
 
 
1
 
1
 
* C. lupus
 
 
1
 
 
 
 
 
TOTALE
2
7
5
 
SPECIE
IT4010012
IT4010013
IT4010016
IT4010017
IT4010018
R. euryale
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
1
M. emarginatus
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
* C. lupus
1
1
 
 
 
TOTALE
1
1
1
 
PARMA 
SPECIE
IT4020001
IT4020002
IT4020003
IT4020004
IT4020005
IT4020006
IT4020007
IT4020008
IT4020009
IT4020010
IT4020011
IT4020012
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
1
 
1
1
 
 
 
 
 
 
R. hipposideros
1
 
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
1
1
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
1
 
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
1
1
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
1
1
 
 
 
 
1
 
1
TOTALE
2
7
3
2
1
1
1
 
SPECIE
IT4020013
IT4020014
IT4020015
IT4020017
IT4020018
IT4020019
IT4020020
IT4020021
IT4020022
IT4020023
IT4020024
IT4020025
IT4020026
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
1
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
TOTALE
3
1
 
REGGIO EMILIA 
SPECIE
IT4030001
IT4030002
IT4030003
IT4030004
IT4030005
IT4030006
IT4030007
IT4030008
IT4030009
IT4030010
IT4030011
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
 
 
 
 
1
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
1
1
1
1
1
1
 
 
1
 
 
TOTALE
1
1
1
1
3
1
2
 
SPECIE
IT4030012
IT4030013
IT4030014
IT4030015
IT4030016
IT4030017
IT4030018
IT4030020
IT4030021
IT4030022
IT4030023
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
1
jump to top 
 
MODENA 
SPECIE
IT4040001
IT4040002
IT4040003
IT4040004
IT404005
IT404006
IT4040007
IT4040009
IT4040010
IT4040011
R. euryale
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
1
1
 
1
 
1
 
 
R. hipposideros
 
 
1
1
 
 
 
1
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
1
 
 
* C. lupus
1
1
 
 
1
 
 
 
 
 
TOTALE
1
1
3
2
1
1
3
 
SPECIE
IT4040012
IT4040013
IT4040014
IT4040015
IT4040016
IT4040017
IT4040018
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
 
BOLOGNA 
SPECIE
IT4050001
IT4050002
IT4050003
IT4050004
IT4050006
IT4050011
IT4050012
IT4050013
IT4050014
IT4050015
IT4050016
R. euryale
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
1
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
R. hipposideros
1
1
1
1
 
 
1
 
 
1
 
B. barbastellus
 
1
 
 
 
 
 
1
 
 
 
M. schreibersii
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
1
 
 
 
 
 
1
 
 
 
 
M. blythii
1
1
 
1
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
1
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
8
4
1
4
2
1
1
 
SPECIE
IT4050017
IT4050018
IT4050019
IT4050020
IT4050021
IT4050022
IT4050023
IT4050024
IT4050025
IT4050026
IT4050027
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
3
 
SPECIE
IT4050028
IT4050029
IT4050030
R. euryale
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
M. blythii
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
M. myotis
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
TOTALE
jump to top 
 
FERRARA 
SPECIE
IT4060001
IT4060002
IT4060003
IT4060004
IT4060005
IT4060006
IT4060007
IT4060008
IT4060009
IT4060010
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
 
1
 
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
1
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
2
 
SPECIE
IT4060011
IT4060012
IT4060013
IT4060014
IT4060015
IT4060016
IT4060017
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
1
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
1
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
2
 
RAVENNA 
SPECIE
IT4070001
IT4070002
IT4070003
IT4070004
IT4070005
IT4070006
IT4070007
IT4070008
IT4070009
IT4070010
IT4070011
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
1
R. ferrumequinum
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
1
R. hipposideros
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
1
B. barbastellus
1
 
 
 
1
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
1
 
 
 
 
 
 
 
1
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
1
1
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
1
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
1
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
1
3
1
1
1
6
 
SPECIE
IT4070013
IT4070016
IT4070017
IT4070018
IT4070019
IT4070020
IT4070021
IT4070022
IT4070023
IT4070024
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
1
 
 
 
 
 
1
 
 
 
R. hipposideros
 
1
1
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
1
1
1
1
jump to top 
 
FORLI' 
SPECIE
IT4080001
IT4080002
IT4080003
IT4080004
IT4080005
IT4080006
IT4080007
IT4080008
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
1
 
1
 
 
 
1
 
R. hipposideros
1
 
1
 
 
 
1
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
1
 
 
 
 
 
1
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
1
 
M. emarginatus
1
1
1
 
 
 
1
 
M. myotis
1
 
1
 
1
 
1
 
* C. lupus
1
1
1
 
1
 
 
 
TOTALE
6
2
5
2
6
 
SPECIE
IT4080009
IT4080010
IT4080011
IT4080012
IT4080013
IT4080014
IT4080015
R. euryale
 
 
 
 
 
 
 
R. ferrumequinum
 
 
 
 
 
 
 
R. hipposideros
 
 
 
 
 
 
 
B. barbastellus
 
 
 
 
 
 
 
M. schreibersii
 
 
 
 
 
 
 
M. bechsteinii
 
 
 
 
 
 
 
M. blythii
 
 
 
 
 
 
 
M. emarginatus
 
 
 
 
 
 
 
M. myotis
 
 
 
 
 
 
 
* C. lupus
 
 
 
 
 
 
 
TOTALE
 
RIMINI 
SPECIE
IT4090001
IT4090002
R. euryale
1
 
R. ferrumequinum
1
 
R. hipposideros
1
1
B. barbastellus
 
 
M. schreibersii
1
 
M. bechsteinii
 
 
M. blythii
1
 
M. emarginatus
1
 
M. myotis
1
 
* C. lupus
 
 
TOTALE
7
1
 
 
In sintesi su 157 SIC regionali, le specie di allegato II sono così rappresentate: 
 
Numero di SIC per specie 
R. euryale
5
R. ferrumequinum
24
R. hipposideros
24
B. barbastellus
9
M. schreibersii
11
M. bechsteinii
7
M. blythii
10
M. emarginatus
11
M. myotis
10
C. lupus
25
 
jump to top
MAMMIFERI
RINOLOFO EURIALE Rhinolophus euryale 
Lunghezza testa-corpo 43-58 mm; avambraccio 45-51 mm; apertura alare 290-320 mm. 
Peso 8-17,5 g. 
Distribuzione: diffuso in Europa meridionale, in Asia sud-occidentale (dal Vicino Oriente fino a Turkmenistan e Iran) e in Africa nord-occidentale. In Italia non risultano segnalazioni per le regioni più settentrionali. 
Caratteristiche generali 
Di dimensioni intermedie rispetto ai congeneri Rinolofo maggiore e Rinolofo minore, è contraddistinto dalla foglia nasale che, di profilo, rivela una caratteristica prominenza superiore acuta. Il pelo è grigio-bruno sul dorso, più chiaro ventralmente e la pelle è bruno-rosata.  
Sembra prediligere le zone collinari e di bassa montagna dal clima mediterraneo dove si nutre di Lepidotteri e altri insetti. Trova nelle cavità ipogee luoghi idonei al rifugio, alla riproduzione e allo svernamento. Sedentario, si può comunque spostare anche di decine di chilometri tra i rifugi.  
Status  
Specie minacciata di estinzione, vulnerabile - VU: A2c (Hutson et al., 2001) 
Nella parte settentrionale del suo areale complessivo sono stati registrati drastici decrementi demografici che possono avere portato a estinzioni locali. Sul territorio italiano è considerato da Lanza (1959) frequente al Centro e al Sud. In regione risulta assai meno frequente dei due congenerici, con presenza limitata a poche località, sebbene diffuso in diverse province. Risulterebbe più frequente verso la costa, ma le informazioni sono decisamente poche. Solo recentemente si è avuta la certezza della sua riproduzione in Regione con due colonie presso i SIC di Onferno e dei gessi faentini, entrambe di circa un centinaio di femmine (Scaravelli & Bertozzi 2005)
jump to top
RINOLOFO MAGGIORE  Rhinolophus ferrumequinum 
Lunghezza testa-corpo 56-71 mm; avambraccio 53-61 mm; apertura alare 330-400 mm. 
Peso 17-34 g.  
Distribuzione: diffuso in Europa centrale, fino alla parte meridionale della Gran Bretagna, in quasi tutto il Mediterraneo e a Oriente, attraverso le regioni himalayane, fino a Cina, Corea e Giappone. È presente in tutta Italia. 
Caratteristiche generali 
È il più grosso rappresentante del genere Rhinolophus. Pelo bruno-grigio-rossastro sul dorso e crema chiaro sul ventre. Parti nude rosa-grigio. Caratteristica la cresta della foglia nasale arrotondata superiormente e con breve punta verso il basso. 
È una specie legata a climi mediterraneo-caldi e seppur segnalata fino a 2000 m predilige le quote inferiori agli 800 m caratterizzate dall’alternarsi di diverse tipologie vegetazionali (pascoli, siepi, boschi) e zone umide dove caccia Lepidotteri e Coleotteri.  
Seleziona per il rifugio, la riproduzione e lo svernamento le cavità naturali e artificiali e gli edifici abbandonati. Specie sedentaria, può compiere spostamenti anche di decine di chilometri per trasferirsi dai siti di ibernazione a quelli di riproduzione e viceversa. 
Status  
Specie a minor rischio, ma prossima a diventare minacciata - LR: nt (Hutson et al., 2001). 
In calo in tutto il suo areale con situazioni di estinzione locale. Lanza (1959) lo descriveva come frequente in tutto il territorio italiano. In regione è presente in molte cavità in tutte le province ma spesso con pochi individui mentre le colonie storiche, dove ancora presenti, sono sempre più a rischio (cfr. Scaravelli 1995).
jump to top
RINOLOFO MINORE Rhinolophus hipposideros 
Lunghezza testa-corpo 35-45 mm; avambraccio 37-42.5 mm; apertura alare 192-254 mm. 
Peso 6-9 g.  
Distribuzione: diffuso in Europa centrale e meridionale fino a Irlanda e Inghilterra, in Asia centro-meridionale fino al Kashmir e in Africa maghrebina e nord-orientale. Presente su tutto il territorio italiano. 
Caratteristiche generali 
È il più piccolo rinolofide europeo e ha manto simile, per colore e foltezza, a quello del Rinolofo maggiore. 
Segnalato fino ai 2000 m, caccia presso aree boscate a latifoglie o in ecomosaici con alternanza di boschetti, radure e zone umide catturando piccoli insetti e ragni. La tipologia di rifugi che seleziona è la stessa del Rinolofo maggiore. Specie sedentaria in genere si muove in un raggio di una decina di km tra estate e inverno.  Status  
Specie minacciata di estinzione, vulnerabile - VU: A2c (Hutson et al., 2001). 
In Emilia Romagna è ancora piuttosto ben distribuito e presente in tutte le fasce altitudinali. In tutta la regione sembra comunque in netto calo e solo poche colonie sembrano aver mantenuto negli ultimi anni livelli più o meno costanti. In particolare colonie riproduttive in Emilia Romagna si trovano nei SIC di Onferno (RN), Monte Sole e Corno alle scale (BO), ma sempre di piccole dimensioni.
jump to top
BARBASTELLO COMUNE Barbastella barbastellus 
Lunghezza testa-corpo 44-60 mm; avambraccio 36-44 mm; apertura alare 240-290 mm. 
Peso 6-14.2 g. 
Distribuzione: probabilmente presente in tutti i Paesi europei fino ai 60° di latitudine Nord e a est fino al 30° meridiano (Ucraina), comprendendo a sud Crimea, Turchia, Caucaso. Segnalata anche in Marocco, Canarie e forse Senegal. In Italia è praticamente presente in tutto il territorio. 
Caratteristiche generali 
Specie di medie dimensioni con padiglioni auricolari larghi che si toccano anteriormente incorniciando l'intera faccia. Pelle bruno-nera e peli del dorso a base scura con punte grigio-biancastre, ventre grigio scuro. 
Specie legata ai boschi, si rifugia sia sotto alla corteccia e nelle cavità dei vecchi alberi, sia in fessure e crepe presenti nelle grotte, nonché negli edifici. Specie sedentaria ma in grado di compiere spostamenti anche consistenti tra i quartieri estivi e quelli invernali. 
Status  
Specie minacciata di estinzione, vulnerabile - VU: A2c (Hutson et al., 2001). 
È considerata una delle specie più rare a livello europeo. Di primaria importanza risultano essere i boschi maturi e le grotte per i rifugi estivi e invernali, mentre la dieta del Barbastello è incentrata su piccole falene munite di timpani (Piralidi, Geometridi, Nottuidi, Tortricidi, ecc.) la cui disponibilità può spostarsi dalle aree boscate alle zone aperte a seconda della stagione. Per migliorare lo status di questa specie come degli altri chirotteri è necessario considerare, oltre alla tutela dei rifugi e delle zone ci caccia, anche il miglioramento e la tutela dei corridoi di volo tra i roost e le aree di foraggiamento. In tutta Europa la specie è in declino sia per l’impoverimento delle foreste che per il disturbo apportato nei luoghi di svernamento. Risulta piuttosto difficile localizzarlo in natura e quasi inesistenti sono i dati relativi alla sua ecologia. 
La sua presenza è stata da poco accertata per la Regione (Vernier et al. 1994) e seguita poi da nuove conferme per le diverse province (Scaravelli et al. 2003, Scaravelli ined. 2003 e 2004). Si tratta in sintesi di specie rara e legata, stando ai dati attualmente disponibili, agli ambienti forestali (faggete e castagneti) della sola fascia montana.
jump to top
MINIOTTERO DI SCHREIBER Miniopterus schreibersii 
Lunghezza testa-corpo 50-62 mm; avambraccio 45-48 mm; apertura alare 305-350 mm. 
Peso 8-17 g.  
Distribuzione: sub-cosmopolita, diffuso dall’Europa meridionale all’Australia. L’intero territorio italiano è compreso nel suo areale. 
Caratteristiche generali 
Parti superiori bruno grigiastre e addome più chiaro, pelo liscio, corto e quasi arricciato sulla testa. Orecchio piccolo, rotondeggiante che appare più basso della volta del capo. 
Caratteristico è il profilo con la fronte bombata e la bocca relativamente piccola. Ali strette ed allungate, adatte ad un volo molto rapido ed alto. Specie tipicamente troglofila, forma dense e numerose colonie con centinaia e a volte migliaia di individui. In ibernazione sono meno coloniali e spesso è possibile trovare individui isolati. 
Vola veloce e con battito frequente alimentandosi in particolare di Lepidotteri che cattura in ambienti aperti o di foresta. Può compiere spostamenti anche di centinaia di Km ma è specie sedentaria nelle zone meridionali a clima mite. 
Status  
A minor rischio ma prossima a diventare minacciata – LR: nt (Hutson et al., 2001). 
A livello europeo è in forte declino per la distruzione degli habitat e per il disturbo (Stebbings 1988). Tali indicazioni sono da considerarsi assolutamente attuali anche da noi come dimostra il continuo calo degli effettivi o la scomparsa delle colonie per il disturbo come a Terra del Sole (Scaravelli ined.). Legata agli ambienti ipogei è la specie che in Regione mostra le maggiori aggregazioni. La più grande colonia riproduttiva è quella di Onferno (RN) che raggiunge i 6000 esemplari (Scaravelli & Bertozzi, ined). Di simili dimensioni la colonia presso la cava di Monte Tondo (Riolo terme, RA) (circa 4000)(Scaravelli e Bertozzi 2005)  ma altre notevoli aggregazioni sono conosciute per i gessi faentini e bolognesi. Per altre zone della Regione sono stati rilevati quartieri di svernamento e rifugi che contano da pochi ad alcune centinaia di esemplari (Ruggieri 1994, Scaravelli non pubb.).
jump to top
VESPERTILIO DI BECHSTEIN Myotis bechsteinii 
Lunghezza testa-corpo 45-55 mm; avambraccio 39-45  mm; apertura alare 250-290  mm. 
Peso 7-13.6  g. 
Distribuzione: Europa centrale e meridionale, si spinge fino alle parti meridionali di Svezia e Gran Bretagna, è presente in Anatolia, Caucaso e Iran. Le segnalazioni in Italia sono scarsissime, ma è probabilmente presente in tutto il territorio. 
Caratteristiche generali 
Pelliccia dorsalmente marrone chiaro e ventralmente dal grigiastro al bianco, orecchie di considerevoli dimensioni. È fortemente legato ai boschi maturi a latifoglie in quanto nella stagione estiva trova rifugio soprattutto negli alberi cavi e caccia nei boschi o lungo il loro margine alla ricerca principalmente di Lepidotteri, Ditteri e Coleotteri.  
In inverno iberna in grotte o talora nelle parti basse di edifici. È specie sedentaria. 
Status  
Specie minacciata di estinzione, vulnerabile – VU: A2c (Hutson et al., 2001). 
In Emilia Romagna si hanno segnalazioni sporadiche di singoli individui (Vergari et al 1998, Scaravelli et al., 2001). Colonie riproduttive erano state individuate presso i Boschi di Carrega (PR) (Ruggeri in verbis) e nel SIC del Contrafforte pliocenico (BO)  (Bertozzi, Palladini e Scaravelli, ined.) ma non sono state riconfermate nei controlli successivi.
jump to top
VESPERTILIO DI BLYTH Myotis blythii 
Lunghezza testa-corpo 58-70  mm; avambraccio 52-59 mm; apertura alare 350-408 mm. 
Peso 15-28.5 g. 
Distribuzione: diffuso in Europa centrale meridionale, meridionale, in parte dell’Asia centrale, verso est fino alla catena himalayana, a parte della Mongolia e della Cina. Presente in tutta Italia ad eccezione, quasi certamente, della Sardegna. 
Caratteristiche generali 
Dorso bruno-marrone e ventre bianco panna. Si distingue dal M. myotis per le dimensioni appena inferiori, il muso più appuntito, le orecchie più slanciate e il trago più stretto, ma l’identificazione richiede misurazioni accurate dell'arcata dentaria. 
Segnalato fino ai 1000 m di altitudine caccia in ambienti aperti a copertura erbacea catturando Ortotteri Tettigonidi, larve di Lepidotteri e Coleotteri Melolontidi. 
Per il rifugio utilizza cavità ipogee, eventualmente anche edifici. È specie praticamente sedentaria. 
Status  
Specie a minor rischio, preoccupazione minima – LR: lc (Hutson et al., 2001). 
In Emilia Romagna si hanno pochi dati certi della sua presenza poiché la distinzione dalla specie gemella Myotis myotis risulta impegnativa. Oltre ai singoli dati di presenza sono accertate riproduzioni presso Onferno e Monte Tondo (Riolo).
jump to top
VESPERTILIO SMARGINATO Myotis emarginatus 
Lunghezza testa-corpo 41-54 mm; avambraccio 36-41 mm; apertura alare 220-250 mm. 
Peso 7-15 g.  
Distribuziome: diffuso in Europa meridionale e centrale, in Asia sud-occidentale e centrale e Africa maghrebina. L’Italia nel suo complesso è ricompresa nell’areale di questa specie. 
Caratteristiche generali 
Parti superiori marrone-rossicce e addome più chiaro, con pelo dall'aspetto lanoso. Pelle nuda di colore bruno scuro. 
Sebbene rinvenibile fino ai 1800 m di altitudine preferisce quote medie e basse. Si nutre in prevalenze di Ditteri diurni e Aracnidi che cattura direttamente dal substrato su cui sono posati, ma si ciba anche di altri insetti (Neurotteri, Ditteri, Imenotteri ecc.) che cattura in volo. Frequenta sia gli edifici che le cavità preferendo queste ultime per lo svernamento. È specie prevalentemente sedentaria. 
Status  
Specie minacciata di estinzione, vulnerabile – VU: A2c (Hutson et al., 2001). 
La specie in Regione appare localizzata e i ritrovamenti si riferiscono essenzialmente a esemplari isolati svernanti in cavità nella collina o bassa montagna. Una colonia riproduttiva di oltre 100 individui è nota per il modenese (Scaravelli et al. ined.). Si tratta di un chirottero ancora assai poco conosciuto e al momento i dati non permettono di definire i problemi conservativi.
jump to top
VESPERTILIO MAGGIORE Myotis myotis 
Lunghezza testa-corpo 67-79 mm; avambraccio 58-66 mm; apertura alare 350-450 mm. 
Peso 28-40,7  g.  
Distribuzione: il suo areale comprende Europa orientale, meridionale e centrale, Inghilterra meridionale, la maggior parte delle isole mediterranee, Asia minore, e a Est si estende forse fino al Turkestan occidentale. In Italia è presente probabilmente in tutte le regioni ad eccezione della Sardegna dove gli esemplari in passato determinati come Myotis myotis sono invece da ascrivere alla specie M. punicus di recente descrizione. 
Caratteristiche generali 
Parti superiori bruno-marroni; parti inferiori bianco panna. Pelle del muso rosata, bruno rossiccia quella delle ali. Si differenzia dal congenerico M. blythii per le sembianze più massicce e le orecchie più grandi e più larghe. 
Grande specie, la maggiore tra i Myotis europei, in Italia sembra essere soprattutto troglofilo, mentre nel centroeuropa le femmine cercano sottotetti caldi per i parti. L'ibernazione avviene solitamente in cavità naturali o artificiali. Predilige altitudini inferiori ai 700 m e seleziona per il foraggiamento ambienti aperti in prossimità di boschi o boschi con sottobosco rado dove cattura principalmente Coleotteri Carabidi. Specie migratrice occasionale con spostamento massimo registrato di 2000 Km. 
Status  
A minor rischio ma prossima a diventare specie minacciata – LR: nt (Hutson et al., 2001). 
In Europa si è registrato un generale declino delle popolazioni negli anni ’60 e ’70 culminato in alcuni paesi con l’estinzione della specie (Inghilterra, Olanda e Israele).  
Per la Regione le poche segnalazioni raccolte si accentrano nelle aree carsiche per cui la conservazione di questa specie, per la scarsità di dati disponibili, è al momento dipendente dalla salvaguardia degli ipogei e deve tenere in considerazione gli ambienti di caccia circostanti il rifugio.
jump to top
LUPO Canis lupus 
Lunghezza testa-corpo: 100-140 cm; altezza al garrese: 60-75 cm; coda: 30-40 cm. 
Peso: 25-35 Kg. 
Distribuzione: oloartica-circumpolare. In Italia attualmente è presente su tutta la catena appenninica. 
Caratteristiche generali 
Specie potenzialmente eurizonale, in Italia è relegato agli ambienti meno frequentati dall’uomo, ossia le foreste di montagna, dove caccia mammiferi selvatici e domestici di varie dimensioni, talora insetti, e anche frutta.  
Elemento caratteristico dell’ecologia del lupo e al contempo suo fattore limitante, è la fase di dispersione che attende i giovani lupi quando raggiungono la maturità sessuale: essi possono compiere spostamenti considerevoli, anche di centinaia di chilometri, che se da un lato permettono di riconquistare aree anticamente abitate dal lupo, dall’altro costituiscono anche un fattore di mortalità dei giovani stessi. 
Status 
Il lupo è specie vulnerabile secondo la Lista Rossa dei Vertebrati Italiani a cura di Calvario & Sarrocco del 1997. La popolazione italiana è stimata intorno ai 400-500 individui (Genovesi, Duprè 2000) e in Emilia Romagna conta sicuramente alcune decine di individui. La minaccia principale per questo predatore è costituita dalla persecuzione esercitata dall’uomo per la predazione che può compiere sulle specie domestiche. Si ribadisce come sia oramai consolidata la situazione del Lupo e la distribuzione conosciuta dipinge come insieme ad aree di particolare importanza dal punto di vista riproduttivo vi sia un contesto molto più ampio di zone a valore più limitato ma importanti nell’economia generale della popolazione in quanto aree di dispersione ed eventuale colonizzazione. Sulla base delle informazioni disponibili, attualmente presenza stabile e riproduzione del lupo risultano accertate nella fascia altoappenninica ricadente nelle province di Forlì-Cesena, Bologna, Reggio-Emilia e Parma. Quanto si sa localmente sull’alimentazione indica che laddove le condizioni ambientali lo consentano, il lupo tende ad assumere il ruolo di predatore specializzato nella cattura di grandi erbivori selvatici in modo relativamente indipendente dalla disponibilità di fonti alternative, quali ad esempio la piccola selvaggina, i micromammiferi, il bestiame domestico o alimenti di origine vegetale, che in altre aree risultano più o meno utilizzate a integrazione della fonte principale. Un altro elemento che emerge chiaramente dall’esame dei dati è la relativa facilità con cui il lupo, in funzione delle condizioni stagionali e/o ambientali, può spostare la pressione predatoria da una specie all’altra; ciò vale in particolare per il cinghiale, il capriolo e il daino, probabilmente in misura minore per il cervo. In definitiva i dati raccolti sembrano indicare che il cinghiale e il capriolo, laddove sufficientemente abbondanti, sono perfettamente in grado di sostenere lungo tutto l’arco dell’anno le necessità alimentari del lupo, indipendentemente dalla presenza di altre fonti alimentari. In questo senso, considerando la diffusione e, in molte aree, la tendenza all’aumento di queste due specie, è facile ipotizzare che nei territori montani regionali esistano elevate potenzialità per l’espansione del lupo.  
Ancora di più oggi il Lupo è un’entità faunistica la cui presenza va considerata un fatto normale nel territorio regionale. Gran parte dei territori montani della regione offre condizioni ecologiche adatte alla presenza del lupo, anche se non necessariamente regolare nel tempo. Risulta quindi comprensibile come si sia verificata una colonizzazione di nuovi comprensori, anche in considerazione del fatto che il cinghiale, preda preferita, rappresenta una realtà ben diffusa in tutto l’Appennino e che il capriolo è in espansione. La specie è di conseguenza stata anche avvistata in territori non strettamente altomontani. I danni alla zootecnia rilevati fanno ritenere che una parte significativa dei danni sia attribuibile a cani vaganti a sottolineare come sia necessario una maggiore custodia ed azioni concrete di limitazione del randagismo.
jump to top
BIBLIOGRAFIA 
  • AGNELLI P, MARTINOLI A, PATRIARCA E, RUSSO D, SCARAVELLI D, GENOVESI P (a cura di), 2004. Linee guida per il monitoraggio dei Chirotteri: indicazioni metodologiche per lo studio e la conservazione dei pipistrelli in Italia. Quad. Cons. Nat. n° 19. Ministero Amb. e INFS. 
  • AMBROGIO A., G. BRACCHI, S. MEZZADRI, A. RUGGIERI e C. SPOTORNO, 2007. Indagine conoscitiva sugli aspetti naturalistici dei SIC della provincia di Piacenza, 2007. Amministrazione provinciale di Piacenza e Società Piacentina di Scienze Naturali 
  • BECK A, BONTADINA F, GLOOR S, HOTZ T, SCARAVELLI D, 1996. Foraging areas and habitat use of a Mediterranean nursery colony of Rhinolophus ferrumequinum as a reference to studies of this species at the border of its distribution area. Abstr. VII European Bat Research Symposium, Veldhoven (NL) 12-16.8.1996: 9. 
  • BERTARELLI C., 1991 Prima segnalazione di Vespertiglio di Natterer Myotis nattereri per l'Emilia Romagna (Mammalia - Chiroptera). Natura Modenese, 1. 
  • BERTARELLI C., 1992 Prima segnalazione per la provincia di Modena di Pipistrello di Savi Hypsugo savii (Mammalia, Chiroptera). Natura Modenese, 2: 53-54. 
  • BERTUSI MG, TOSETTI T, 1986. I Mammiferi dell'Emilia-Romagna. I.B.C. Regione Emilia-Romagna. 
  • BONTADINA F, SCHOFIELD H, NAEF-DANZER B, 2002. Rg reveals that lesser horseshoe bats forage in woodland. J. Zool., London, 258:281-290. 
  • CALVARIO E, SARROCCO S, (Eds.), 1997. Lista Rossa dei Vertebrati italiani. WWF Italia. Settore Diversità Biologica. Serie Ecosistema Italia. DB6. 
  • DRESCHER C, NIEDERFRINIGER O, 2001. Il Vespertilio maggiore (Myotis myotis Borkh., Chiroptera, Vespertilionidae) e l’agricoltura intensiva: un caso dell’Alto Adige. Atti III Congr. Italiano di Teriologia “Biologia e Gestione dei Mammiferi”, San Remo (IM), 21-23 Settembre 2001. 
  • GENOVESI P, DUPRÈ E, 2000. Lupo. In: Spagnesi M, Toso S, De Marinis M (eds.), 2000. Iconografia dei Mammiferi d’Italia. Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. 
  • KUNZ T, FENTON B (eds.), 2003. Bat ecology. University of Chicago, USA. 
  • LANZA B, AGNELLI P, 1999. Chirotteri - Bats. In: Spagnesi M., Toso S., de Marinis M., 2000. Iconografia dei Mammiferi d'Italia. Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica "Alessandro Ghigi". 
  • PALLADINI A, SCARAVELLI D, BERTARELLI C, 2004. La chirotterofauna (Chiroptera: Microchiroptera) della provincia di Modena. Studi preliminari. Natura Modenese vol. 7. 
  • RUGGIERI A., 2000. Chirotteri. 3. Collana naturalistica Parco Fluviale regionale del Taro, Pontescodogna Collecchio (PR). 47 pp. 
  • SCARAVELLI D, 1992. Rinolofo minore Rhinolophus hipposideros (Bechstein, 1800). In: Gellini S., Casini L. & Matteucci C. (eds.). Atlante dei Mammiferi della provincia di Forlì (1989-1991). Maggioli Editore: 62-63. 
  • SCARAVELLI D, 1995. Chirotteri. Sottoterra, 100: 68-71. 
  • SCARAVELLI D, BASSI S, 1993 - Indagini sui chirotteri dell'Appennino Romagnolo-Marchigiano. Biogegraphia, 27: 547-552. 
  • SCARAVELLI D, GELLINI S, CICOGNANI L, MATTEUCCI C, 2001. Atlante dei Mammiferi della Provincia di Ravenna. Provincia di Ravenna. 
  • SCARAVELLI D, LAGHI P, PASTORELLI C, 2002. La speleofauna del Parco dei Sassi di Roccamalatina. Archivio del Parco. 
  • SCHOBER W, GRIMMBERGER E, 1997. The bats of Europe and North America. TFH Publ., USA. 
  • VERGARI S, DONDINI G, SCARAVELLI D, 2002. Prima segnalazione di Barbastello Barbastella barbastellus (Mammalia, Chiroptera, Vespertilionidae) per la provincia di Bologna. Natura Modenese, vol. 6. 
  • VERGARI S., DONDINI G., RUGGIERI A., 1998. On the distribution of Myotis bechsteinii (Kuhl, 1817) in Italy ( Chiroptera: Vespertilionidae). Hystrix (n. s.) 10 (2): 49-56.
  •  
     
     
     
     
    HTML Programming and Graphic by ST.E.R.N.A. P.IVA 01986420402 
    © Copyright 2012 - Tutti i marchi riprodotti sono di proprietà delle rispettive aziende.