Regione Emilia-Romagna 
ASSESSORATO AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITA' FAUNISTICO-VENATORIE.
Percorsi
Indice generale
____________________________
____________________________
ALTRI UCCELLI TIPICI DELLE ZONE UMIDE DELL’EMILIA-ROMAGNA
 
 
MARTIN PESCATORE Alcedo atthis 
In Emilia-Romagna è una specie sedentaria nidificante, migratrice regolare e svernante. Frequenta un’ampia gamma di zone umide, con acqua sia corrente sia stagnante, sia dolce sia salmastra (fiumi, canali, paludi e stagni, risaie e maceri); in inverno e in migrazione è presente talvolta anche lungo i litorali marini. Per la riproduzione predilige le zone umide d’acqua dolce, dai corsi d’acqua montani alle zone umide di pianura con acque stagnanti, e solo poche coppie si stabiliscono nelle valli e nelle lagune costiere. Per la nidificazione necessita di argini e sponde di corsi d’acqua con rive sub-verticali in cui scavare il tipico nido a galleria.
SALCIAIOLA Locustella luscinioides 
In Emilia-Romagna è una specie migratrice regolare e nidificante. Nidificante localizzato (probabilmente meno di 100 coppie) nelle provincie di Parma, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna.
FORAPAGLIE CASTAGNOLO Acrocephalus melanopogon 
In Emilia-Romagna è una specie migratrice regolare, svernante e nidificante. Riportato come nidificante nelle province di Ravenna, Ferrara e Bologna con 57-89 coppie negli anni ’90 nelle zone umide con canneti ritenuti idonei per la specie (Quaglierini 2002).
FORAPAGLIE Acrocephalus schoenobaenus 
In Emilia-Romagna è una specie migratrice regolare e nidificante. Negli anni ’80 e ’90 prove di nidificazione certa e probabile sono state raccolte per pochi siti nelle province di Piacenza, Parma, Reggio-Emilia, Modena (Brichetti et al. 2005). Nidifica in fragmiteti puri o misti con altre elofite (Typha sp, Scirpus sp), talvolta inframmezzati da vegetazione igrofila rada. In considerazione della difficoltà di reperimento delle coppie nidificanti si può stimare una popolazione di alcune decine di coppie.
CANNAIOLA VERDOGNOLA Acrocephalus palustris 
In Emilia-Romagna è una specie migratrice regolare e nidificante. Molto diffusa, nidificante in pianura e nei fondovalle della prima collina nelle zone con vegetazione ripariale arbustiforme mista a fragmiteti, spesso con altre specie di elofite, e a vegetazione erbacea folta di pressoché tutti i corsi d’acqua e delle zone umide con acque stagnanti.
CANNAIOLA Acrocephalus scirpaceus 
In Emilia-Romagna è una specie migratrice regolare e nidificante. Diffusa e nidificante in quasi tutti i canneti di Phragmites australis e Typha sp. della regione.
CANNARECCIONE Acrocephalus arundinaceus 
In Emilia-Romagna è una specie migratrice regolare e nidificante. Diffusa e nidificante in quasi tutti i canneti di Phragmites australis e Typha sp. della regione.
USIGNOLO DI FIUME Cettia cetti 
In Emilia-Romagna è una specie sedentaria nidificante, migratrice regolare e svernante, diffusa in tutta la regione nelle zone umide con abbondante vegetazione arbustiforme ripariale in pianura e nei fondovalle della fascia collinare.
BECCAMOSCHINO Cisticola juncidis 
In Emilia-Romagna è una specie sedentaria nidificante, migratrice regolare e svernante diffusa nei prati umidi, lungo gli argini erbosi dei corsi d’acqua e negli incolti con una folta vegetazione erbacea ai margini di zone umide in pianura e nei fondovalle della fascia collinare.
PETTAZZURRO Luscinia svecica 
In Emilia-Romagna è una specie migratrice regolare e svernante irregolare. La cattura della specie in alcune zone umide di pianura indica che la presenza di migratori e forse anche di svernanti è molto sottostimata.
BASETTINO Panurus biarmicus 
In Emilia-Romagna è una specie sedentaria nidificante, migratrice regolare e svernante. Nidificante localizzato in alcune zone umide con i canneti più estesi e più “antichi” delle provincie di Ferrara, Ravenna, Bologna e Modena. E’ stata stimata una popolazione nidificante in Emilia-Romagna di 190-350 coppie nel 1994-1997 e di 150-300 nel 2001-2003 con trend della popolazione in forte diminuzione fino al 2005 (Marchesi e Tinarelli 2007).
PENDOLINO Remiz pendulinus 
In Emilia-Romagna è una specie sedentaria nidificante, migratrice regolare e svernante. Nidifica in aree con zone umide d’acqua dolce o salmastra in cui è presente vegetazione arborea e arbustiva ripariale come salici, tamerici, pioppi. In altri periodi dell’anno frequenta canneti, zone con vegetazione erbacea alta ai margini di zone umide e soprattutto boscaglie igrofile. In alcune aree (Valle del Mezzano – FE) si possono osservare numerosi nidi anche lungo i filari alberati che costeggiano le strade. Il Pendolino necessita inoltre del canneto, soprattutto al di fuori del periodo riproduttivo. Sulla base di censimenti in zone campione è stata stimata una popolazione nidificante in Emilia-Romagna di 3.000-8.000 coppie nel 1994-1997 e 3.000-5.000 nel 2001-2003 (Marchesi e Tinarelli 2007) con trend della popolazione soggetto a marcate fluttuazioni.
MIGLIARINO DI PALUDE Emberiza schoeniclus 
In Emilia-Romagna è una specie sedentaria nidificante, migratrice regolare e svernante. Diffuso e nidificante in tutte le zone umide con estesi canneti in tutte le provincie (più abbondante in quelle orientali). Predilige i fragmiteti puri o misti con altre elofite (Typha sp, Scirpus sp) talvolta inframmezzati da vegetazione igrofila rada. Frequenta anche canneti di modesta estensione, ai bordi di canali, in piccole zone umide o canneti asciutti. Sulla base di censimenti in zone campione è stata stimata una popolazione nidificante in Emilia-Romagna di 900-1.400 coppie nel 1994-1997 e 1.000-1.500 nel 2001-2003 con trend della popolazione in incremento (Marchesi e Tinarelli 2007).
 
 
 
 
 
HTML Programming and Graphic by ST.E.R.N.A. P.IVA 01986420402; webmaster Franca Monti 
© Copyright 2012 - Tutti i marchi riprodotti sono di proprietà delle rispettive aziende.   
ST.E.R.N.A.